QUT ePrints

Le infrastrutture viarie dismesse o declassate ed il progetto di paesaggio

Guaralda, Mirko (2006) Le infrastrutture viarie dismesse o declassate ed il progetto di paesaggio. Libreria CLUP Soc. Coop., Segrate (MI) - Italy.

[img] Published Version (PDF 6MB)
Administrators only | Request a copy from author

    Abstract

    Paesaggio ed infrastrutture viarie sono un binomio molto forte: il primo ha insito il concetto di accessibilità, in quanto non può esistere senza la presenza di un osservatore; la strada, invece, trova i fattori che la connotano nel suo rapporto con la morfologia su cui insiste. Le infrastrutture viarie sono elemento strutturale e strutturante non solo di un territorio, ma anche di un paesaggio. Le attuali esigenze di mobilità portano oggi a ripensare ed adeguare molte infrastrutture viarie: laddove è possibile si potenziano le strutture esistenti, in diversi casi si ricorre a nuovi tracciati o a varianti di percorso. Porsi il problema di conservare itinerari testimoni della cultura materiale ed economica di una società implica considerazioni articolate, che travalicano i limiti del sedime: una via è un organismo più complesso della semplice linea di trasporto in quanto implica tutta una serie di manufatti a supporto della mobilità e soprattutto il corridoio infrastrutturale che genera e caratterizza, ovvero una porzione variabile di territorio definita sia dal tracciato che dalla morfologia del contesto. L’evoluzione dei modelli produttivi ed economici, che oggi porta quote sempre maggiori di popolazione a passare un tempo sempre minore all’interno del proprio alloggio, rende la riflessione sulle infrastrutture viarie dismesse o declassate occasione per la progettazione di spazi per l’abitare collettivo inseriti in contesti paesaggistici, tanto urbani che rurali, tramite reti di percorsi pensate per assorbire tagli di mobilità specifici e peculiari. Partendo da queste riflessioni la Tesi si articola in:

    Individuazioni del contesto teorico e pratico: Lo studio mette in evidenza come la questione delle infrastrutture viarie e del loro rapporto con il paesaggio implichi riflessioni incrociate a diversi livelli e tramite diverse discipline. La definizione dello spazio fisico della strada passa infatti per la costruzione di un itinerario, un viaggio che si appoggia tanto ad elementi fisici quanto simbolici. La via è un organismo complesso che travalica il proprio sedime per coinvolgere una porzione ampia di territorio, un corridoio variabile ed articolato in funzione del paesaggio attraversato. Lo studio propone diverse chiavi di lettura, mettendo in luce le possibili declinazioni del tema, in funzione del taglio modale, del rapporto con il contesto, del regime giuridico, delle implicazioni urbanistiche e sociali. La mobilità dolce viene individuata quale possibile modalità di riuso, tutela e recupero, del patrimonio diffuso costituito dalle diversi reti di viabilità.

    Antologia di casi studio: Il corpo principale dello studio si basa sulla raccolta, analisi e studio dello stato dell’arte nel settore; gli esempi raccolti sono presentati in due sezioni: la prima dedicata alle esperienze più significative ed articolate, che affrontano il recupero delle infrastrutture viarie a più livelli ed in modo avanzato non concentrandosi solo sulla conversione del sedime, ma proponendo un progetto che coinvolga tutto il corridoio attraversato dall’infrastruttura; la seconda parte illustra la pratica corrente nelle diverse realtà nazionali, ponendo in evidenza similitudini e differenze tra i vari approcci.

    Impact and interest:

    Citation countsare sourced monthly from Scopus and Web of Science® citation databases.

    These databases contain citations from different subsets of available publications and different time periods and thus the citation count from each is usually different. Some works are not in either database and no count is displayed. Scopus includes citations from articles published in 1996 onwards, and Web of Science® generally from 1980 onwards.

    Citations counts from the Google Scholar™ indexing service can be viewed at the linked Google Scholar™ search.

    ID Code: 37907
    Item Type: Book
    Keywords: Theory of Architectural design, Landscape architecture, Transports, Pedestrian networks, Heritage conservation
    ISBN: 88-7090-875-5
    Subjects: Australian and New Zealand Standard Research Classification > BUILT ENVIRONMENT AND DESIGN (120000) > ARCHITECTURE (120100)
    Divisions: Past > QUT Faculties & Divisions > Faculty of Built Environment and Engineering
    Past > Schools > School of Design
    Copyright Owner: Copyright 2006 the authors
    Deposited On: 08 Aug 2011 10:20
    Last Modified: 08 Aug 2011 10:20

    Export: EndNote | Dublin Core | BibTeX

    Repository Staff Only: item control page